6 Sintomi delle organizzazioni creativamente disfunzionali

0

Ridurre la creatività al gioco dei bambini significa sottovalutarne sia la natura che il VALORE.

In parole povere, la creatività per l’azienda è l’arte di pensare che permette di superare la concorrenza.

È necessario fare ricorso alla creatività ogni volta che risposte ovvie non risolvono una problemi complessi.

È la forza che sta dietro ad ogni nuovo prodotto e servizio o dietro ad ogni strategia di successo.

 

LA VOSTRA AZIENDA E’ CREATIVA??

Proviamo a individuare le caratteristiche più comuni alle organizzazioni poco creative: ecco sei sintomi di organizzazioni creativamente disfunzionali.

  1. Presentazione, non conversazione: La tua azienda è innamorata di PowerPoint? I tuoi incontri sono una processione senza fine di carte e schede numeriche? La gente passa le riunioni a leggere le parole da uno schermo?
  1. Cattivo utilizzo delle riunioni: Smetti di accettare che tutti collassino nei loro soliti ruoli e non permettere alle discussioni di andare avanti troppo a lungo.
  1. Sofferenza emotiva: Quando le persone vedono la loro creatività schiacciata vanno in sofferenza. Il loro umore e il loro comportamento passeranno attraverso un processo di declino, in un modo simile ai cinque stadi del dolore (negazione, rabbia, negoziazione, depressione e accettazione).
  1. Trascinamento del piede: Tutti ne parlano, ma nessuno lo fa? Le persone dicono una cosa e poi ne fanno un’altra? Questo è un fenomeno noto come trascinamento del piede: resistenza passiva alle nuove idee.
  1. Miopia: La pressione percepita eccessiva verso il business spesso non permette ad un’organizzazione di vedere oltre la routine quotidiana. Quando guarda oltre, riesce a vedere solo i suoi competitor diretti. Orizzonti limitati non favoriscono nuove idee.
  1. Autoreferenzialità: Tutti sono troppo occupati a congratularsi l’un l’altro per notare i segni del decadimento? Smettere di guardare i propri clienti, alle altre aziende e al contesto più ampio fa perdere l’impulso alla creatività.

 

Leggi l’articolo completo