Studio dei procedimenti edilizi – Spinea 18/01/2019

0

ATTENZIONE*: la prevista proroga di tre mesi dell’attuale piano casa e il conseguente slittamento dei tempi di approvazione della Nuova legge sul Piano casa/Piano città da parte della Regione Veneto, ci obbligano a prevedere lo spostamento del previsto seminario sul Nuovo Piano casa regionale verso la metà di aprile (definiremo più precisamente la data quando verrà approvato il nuovo testo di legge). Si è ritenuto utile mantenere l’appuntamento formativo aggiornando il programma oggetto di studio.

Ci scusiamo per il disagio e rinnoviamo la nostra disponibilità a fornire informazioni e assistenza.

Mercoledì 5 dicembre 2018

Studio dei procedimenti edilizi – Spinea 18/01/2019

La giornata di studio verrà dedicata all’analisi dei vari procedimenti edilizi:

  • l’ Attività edilizia libera – Ael
  • la Comunicazione di inizio dei lavori – Cil
  • la Comunicazione di inizio dei lavori asseverata – Cila
  • la Segnalazione certificata di inizio attività – Scia
  • la Denuncia di inizio dei lavori – Dia
  • il Permesso di costruire – Pdc

Per ogni procedimento verranno approfonditi i presupposti, l’ ambito di applicazione, le procedure e i poteri/doveri di controllo a carico della pubblica amministrazione oltreché le responsabilità dei professionisti, ecc.

Cercheremo di dare risposta ai quesiti più ricorrenti quali:

  • In quali casi vanno avviati i vari procedimenti dagli interessati?
  • Cosa fare nel caso in cui il procedimento avviato dall’interessato non sia corretto?
  • Si può modificare il procedimento scelto e, in caso affermativo, con che procedimento/provvedimento?
  • Cosa si deve fare se viene presentata una Scia per opere per le quali è invece necessaria la presentazione di una Cila?
  • Vi è o meno l’obbligo da parte della pubblica amministrazione di intervenire per “correggere” il procedimento avviato non correttamente (anche considerati gli effetti che tali procedimenti possono avere ai fini delle detrazioni fiscali delle spese sostenute)?
  • Come intervenire in caso di non corretta o non veritiera rappresentazione dello stato dei luoghi?
  • Cosa accade qualora siano decorsi i termini assegnati dalla legge per la verifica?
  • Quando si può e si deve procedere con l’annullamento dell’atto?
  • In quali casi  si “forma” un titolo edilizio?
  • Esiste e può essere accolta la “Cila in sanatoria”?
  • E la “Scia in sanatoria”?

Analizzeremo e approfondiremo il potere conformativo, inibitorio e repressivo delle pubbliche amministrazioni, quali le responsabilità dei progettisti e i doveri della pubblica amministrazione nella gestione dei procedimenti.
Durante la giornata di studio, verrà svolta un’attenta analisi delle problematiche più ricorrenti e verranno date le indicazioni operative per la loro risoluzione (sospensione del procedimento, tempi per la comunicazione, inibizione dei lavori, annullamento in autotutela, ecc.). Verranno illustrati gli “errori” più frequenti contenuti nei provvedimenti e verrà data risposta ai quesiti che i partecipanti al seminario vorranno inviarci. L’approfondimento dei temi sopra descritti verrà accompagnato dall’analisi della giurisprudenza e verranno forniti utili suggerimenti per la redazione degli atti.

Ci guideranno in questo studio noti esperti di diritto amministrativo in ambito urbanistico: prof. avv. Alessandro Calegari, avv. Stefano Bigolaro e l’avv. Alessandro Veronese.